Trenomania Network
http://lnx.trenomania.it/forum/

Maschera di contrasto
http://lnx.trenomania.it/forum/viewtopic.php?f=62&t=601
Pagina 2 di 2

Autore:  FabioMiotto [ 18 settembre 2009, 22:00 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Maschera di contrasto

Niki90 ha scritto:
Se vogliamo parlare da puristi, il sensore stesso altera in primis i colori, a seconda delle sue caratteristiche, e così anche l'applicazione di filtri sull'obiettivo o ancora l'uso di un obiettivo con lunghezza focale diversa da 50 mm. Ricordiamoci che la fotografia è una forma d'arte, ed è quindi a discrezione del "pittore" realizzare il proprio "quadro" come egli preferisce! ;)

Poi, giustamente, ci sono pittori che prediligono la copia fedele della realtà e altri ai quali piace adattare la realtà alla propria fantasia. :D


Non ti facevo così poeta Gabri :mrgreen:

Autore:  Delfino [ 18 settembre 2009, 23:58 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Maschera di contrasto

Per prima cosa vorrei ricordare che il vero 1/1 è il 58 mm, il 50 mm è dà considerarsi già un grandangolare, come seconda considerazione sono totalmente d'accordo che la fotografia è una espressione d'arte, e per ultimo tu pensi veramente che un artista come Helmut Newton "creasse" le foto dopo aver fotografato i suoi capolavori? Personalmente penso proprio di no. Se permetti una mia valutazione le "creava " prima di fotografare. La base stà tutta quì.
Comunque sia ad ognuno la propria "creatività" e "fantasia" senza sollevare alcun intento polemico. Ci mancherebbe altro ma bensì di chiarimenti.
Ciao

Autore:  Niki90 [ 20 settembre 2009, 17:55 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Maschera di contrasto

Ovviamente, ci mancherebbe solo che ci si mette a bisticciare! :D Quello che si sta cercando di dire è che per la fotografia ferroviaria, che è il tema principale della discussione, non c'è mai quella disponibilità di tempo, di condizioni di luce, di apparecchiature e di soggetti paragonabile a quella di Newton. Il fotografo ferroviario modello è un baldo e speranzoso giovine che scorrazza su e giù per la linea ferroviaria in attesa di qualche buona "preda", dotato di una o raramente due macchine fotografiche più o meno professionali che hanno una esigua quantità di accessori (i più comuni sono: filtro UV e/o skylight, flash il più delle volte incorporato e due obiettivi, un grandangolare e un teleobiettivo entrambi zoom). Il nostro fotografo poche volte prepara al meglio le condizioni secondo le proprie fantasie; diciamo che si comporta proprio come un cacciatore: si apposta e ciò che gli interessa colpisce. E' un mondo dove non è il soggetto a stare ai comodi del fotografo, ma l'esatto contrario. Ecco perché si sta allargando l'uso dei programmi di fotoritocco.

Questa poi rimane la mia più innocente opinione, ma che ha sempre trovato conferma nei miei, finora, sei anni di fotografia in continua evoluzione. ;)

Pagina 2 di 2 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
http://www.phpbb.com/