Oggi è 21 febbraio 2020, 1:29

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Breve storia delle ferrovie in Italia e dei tunnel ferroviar
MessaggioInviato: 6 ottobre 2013, 11:03 
Non connesso
Dirigente Centrale Operativo
Avatar utente

Iscritto il: 5 gennaio 2008, 10:47
Messaggi: 1900
Località: Pianeta Terra - Sistema Solare - UNIVERSO
Pubblico dopo l'autorizzazione dell'autore, un testo di Massimo Massimo Marucchi, Argon70cv sul forum, dal titolo: "Breve storia delle ferrovie in Italia e dei tunnel ferroviari alpini"
Qui il link per scaricare il file completo. Il link redirige verso il sito internet dell'autore dove sarà possibile leggere il testo completo con illustrazioni esplicative.

La nascita delle ferrovie in Italia; i tunnel ferroviari alpini
La storia
La ferrovia arrivò in Italia in ritardo rispetto ai paesi dell’Europa centrale, come Gran Bretagna, Belgio e Francia.
  1. Nel Regno delle Due Sicilie vi fu l’inizio della storia delle ferrovie con l'apertura di un breve tratto di linea ai piedi del Vesuvio, la Napoli-Portici di poco più di sette chilometri, che venne inaugurata il 3 ottobre 1839. Il primo tronco (km 7,640) venne inaugurato il 3 ottobre 1839 dal re Ferdinando II di Borbone. Il 1° agosto 1842 la ferrovia aveva raggiunto Castellammare di Stabia e due anni dopo Pompei e Nocera (circa 40 km), ma lo sviluppo successivo non fu altrettanto celere; la via ferrata si fermò in direzione Nord, a Sparanise (circa 48 km), e in direzione Sud a Salerno (circa 55 km) e tale rimase fino
    all'unità d'Italia
  2. Il Regno del Lombardo-Veneto, allora soggetto all'Impero Austriaco, il primo progetto fu quello di una linea ferroviaria, la ferrovia Milano - Venezia, in passato conosciuta come Ferrovia Ferdinandea, che avrebbe unito le due capitali del Regno: Milano e Venezia. Considerata all’epoca un’impresa di dimensioni epiche per la sua lunghezza e per la necessità del ponte sulla laguna, la costruzione della Ferrovia Milano-Venezia iniziò il suo cammino, cosparso di insidie e complicazioni anche di carattere internazionale. L'opera si potè dire terminata solo nel 1878, ad annessione del Veneto già avvenuta, quando fu completato il collegamento diretto fra Treviglio e Coccaglio che eliminava la deviazione per Bergamo.
  3. Il Regno di Sardegna, dopo l'abortito progetto del 1825 di unire Genova con il Po, il 18 luglio 1844, con le Regie Lettere Patenti n° 443 il re Carlo Alberto dispose la costruzione della ferrovia Torino-Genova via Alessandria, attraverso il crinale appenninico, che richiese la costruzione della galleria di valico dei Giovi, lunga 3’265 metri, il cui scavo fu effettuato interamente a mano e che venne inaugurata il 18 dicembre 1853 e attivata il 16 febbraio 1854; seguiva l'apertura di altri tronchi in Piemonte che, nel 1859, aveva così collegato tra loro le frontiere svizzere e francesi con quella austriaca del Lombardo-Veneto.
  4. Nello Stato Pontificio, con l’elezione di Papa Pio IX, a metà del 1846, si costituì una Commissione per le Strade Ferrate dello Stato di Sua Santità ed una società nazionale per lo sviluppo e la costruzione delle ferrovie, che diede inizio dopo qualche anno alla costruzione di alcune linee nel centro Italia, come la Ferrovia Roma-Frascati in servizio dal 1856, la Ferrovia Roma-Civitavecchia in servizio dal 1859 e, molto più tardi, la Ferrovia “Pio Centrale” tra Roma ed Ancona, così chiamata in onore del Papa, inaugurata il 29 aprile 1866. È necessario ricordare però che già dal 1851 era iniziata - con alterne vicende e per la tratta di competenza - la costruzione della Strada Ferrata dell'Italia Centrale e il 21 luglio 1859 fu inaugurata la linea Piacenza-Bologna di cui 25 chilometri circa, dal confine con il Ducato di Modena nei pressi di Castelfranco Emilia a Bologna, erano in territorio papalino. Della stessa Strada Ferrata dell'Italia Centrale era inoltre in costruzione (e inaugurata da Vittorio Emanuele II nel 1864) la tratta della Porrettana che, da Bologna fino oltre Porretta Terme, correva anch'essa nel territorio dello Stato Pontificio.
  5. Nel Granducato di Toscana, il Granduca aveva autorizzato nel 1838 un consorzio privato per la costruzione della linea Leopolda tra Livorno, Pisa e Firenze. Nella seconda metà del XIX secolo il Granducato vantava una rete ferroviaria molto organica (la terza per estensione in Italia) ed estesa 225 km: la linea Leopolda Firenze-Pisa-Livorno; la linea Maria Antonia Firenze-Prato-Pistoia; la Pisa-Lucca e la Centrale Toscana fra Empoli-Siena.
  6. Nel Ducato di Lucca Carlo Ludovico di Borbone autorizzò la costruzione di tre linee ferroviarie verso Aulla, Pisa e Pistoia. Nel 1845 fu inaugurata la linea internazionale Lucca - Pisa. La Stazione di Lucca sorse fuori dalle mura del centro antico e fu progettata da Giuseppe Pardini ed Enrico Pohlmeyer. Il progetto della linea per Pistoia fu completato solo dopo l'annessione di Lucca alla Toscana (1847) integrandosi con la Ferrovia Maria Antonia che da Firenze portava a Lucca per Prato e Pistoia. Le vicende dinastiche, legate all’assorbimento del ducato nel granducato di Toscana, fecero ritardare la costruzione della linea per Aulla che sarà realizzata con la Ferrovia Pontremolese completata nel 1892.
  7. Il Ducato di Modena, stretto fra il Lombardo Veneto e lo Stato Pontificio, poteva solo seguire le vicende politiche - e ferroviarie - straniere. La svolta ferroviaria avvenne nel 1851 con la Convenzione del 1° maggio la cui Concessione diede vita alla Strada Ferrata dell'Italia Centrale. Il ducato era interessato per la tratta dal fiume Enza, confine con il Ducato di Parma e il confine con lo Stato Pontificio all'altezza di Castelfranco Emilia (che allora si chiamava Forte Umberto ed era compreso nelle terre del Papa).
  8. Infine, nel Ducato di Parma il fatto che i duchi fossero strettamente legati alla famiglia imperiale austriaca non facilitò lo sviluppo ferroviario del ducato. Tuttavia, con il decreto del 10 gennaio 1848 il nuovo duca di Parma consentiva la stesura del progetto tecnico per tratti della strada ferrata da Parma al confine Estense, e da Piacenza al confine Sardo, i quali tratti si sarebbero congiunti colla strada ferrata già decretata da Piacenza a Parma.

Le ferrovie del Regno d’Italia


Alla sua costituzione, nel 1861, il Regno d'Italia si trovava in possesso di una rete ferroviaria dello sviluppo complessivo di km 2’035; di questa soltanto il 18% era di proprietà dello Stato ed il 25% in sua gestione diretta; il restante 75% era ripartito in ben 22 società private delle quali un buon numero a capitale prevalentemente straniero. L'insieme delle linee, per i motivi sopra esposti, non costituiva una rete organica e dal punto di vista della gestione versava in uno stato di reale confusione in quanto coesistevano ben 22 società private con regimi, regole e concessioni differenti; vi erano linee di proprietà statale,
esercite dallo Stato stesso, linee di proprietà privata ed esercite da società a capitale privato e linee di proprietà privata ma con esercizio affidato allo Stato.
Alla fine del 1864 la situazione era la seguente: vi erano 566 km di linee esercite direttamente dallo Stato, 502 km ripartite tra 14 piccole società dell'Alta Italia, 743 km della Società lombarda e dell'Italia centrale, 293 km della Società Livornese, 224 km della Maremmana, 171 km della Centrale Toscana, 383 km delle ferrovie Romane, 482 km delle Meridionali e appena 32 km della Vittorio Emanuele per un totale di 3’396 km con progetti per ulteriori 3’281 km da costruire, dei quali ben 1’127 km erano di competenza della Società Vittorio Emanuele che ne aveva la concessione per costruirli in Calabria e Sicilia.
Era necessario creare un sistema organico e razionale delle ferrovie, anche perché per connettere le varie linee, costruite in gran parte con un'ottica localistica, era stato necessario impegnare ingenti risorse statali che nel decennio successivo all'unificazione avevano raggiunto i 451 milioni di lire del tempo a cui andavano aggiunti 127 milioni di interessi sui titoli garantiti delle società ferroviarie e 413 milioni di sussidi chilometri erogati. Il 14 maggio 1865 venne emanata la legge n° 2279, detta la “Legge dei grandi gruppi”; con essa lo Stato si proponeva di porre ordine nel caotico sistema che fino ad allora aveva caratterizzato la costruzione e la gestione delle ferrovie. Di fatto, venne affidata la gestione delle linee principali a cinque società concessionarie:
    la Società per le Ferrovie dell'Alta Italia (SFAI) controllata dal ramo parigino di "Casa Rothschild", alla quale facevano capo circa 2’200 km di linee;
  1. la Società per le strade ferrate romane (SFR), (ricostituzione della vecchia omonima società del 1861) con circa 2’060 km;
  2. la Società per le Strade Ferrate Meridionali (SFM) 1’771 km;
  3. la Società Vittorio Emanuele, 1’474 km;
  4. la Compagnia Reale delle Ferrovie Sarde, 414 km.

Le difficoltà di progetto; i trafori
L'avvento della ferrovia in Italia pose subito problemi nuovi ai progettisti, a causa della tormentata orografia del territorio.
Fu così necessario trovare il modo di superare le montagne, che punteggiavano numerose parti della penisola e che soprattutto separavano l’Italia dagli altri Stati.
Le gallerie alpine furono le maggiori opere tecniche del XIX secolo, vero banco di prova delle capacità ingegneristiche dell'epoca.
Tra i trafori ferroviari ricordiamo quelli del Moncenisio (1871), del San Gottardo (1882), del Sempione (1906), del Colle di Tenda, il tunnel di base del Lötschberg.
  1. Il primo dei lunghi tunnel fu quello del Moncenisio (poi chiamato Fréjus), il cui scavo procedette lentamente, finché si iniziò a utilizzare le macchine perforatrici, inventate dagli ingegneri Germano sommeiller, Sebastiano Grandis e Severino Grattoni. Collega la Francia con l'Italia fra le città di Modane in Francia e Bardonecchia in Italia.
    L’opera fu ritenuta talmente significativa che, nel 1879, a Torino venne eretto il Monumento al traforo. Questo, concepito dal conte Marcello Panissera di Veglio, presidente dell'Accademia Albertina di Belle Arti, ed inaugurato nel 1879, consiste in una piramide di enormi massi provenienti proprio dallo scavo del traforo; la piramide è sovrastata da un Genio alato, con una stella a cinque punte in capo, sotto il quale trovano posto le figure marmoree dei Titani abbattuti. Il tutto è un'allegoria del trionfo della ragione sulla forza bruta, nello spirito positivista dell'epoca in cui fu realizzato. Tuttavia, nella tradizione popolare a questo significato originario se ne è sovrapposto un altro, secondo cui il monumento celebra invece le sofferenze patite dai minatori dell'epoca per realizzare l'opera. Il traforo del Frejus
  2. Il traforo del S. Gottardo. Il S. Gottardo collega, attraverso una doppia traccia in un unico tubo di 15’003 m, Airolo in Ticino a Göschenen nel canton Uri. La galleria venne costruita tra il 1872 e il 1882 da Svizzera, Germania e Italia, ad opera della "Entreprise du Grand Tunnel du Gothard" di cui era titolare il ginevrino Louis Favre.
  3. Il traforo del Sempione
    Il Sempione è una galleria ferroviaria che collega l'Italia (val d'Ossola) con la Svizzera (alta valle del Rodano). Il traforo è scavato sotto il monte Leone (3’552 m) e il Parco dell'Alpe Veglia. È un'imponente struttura che si trova lungo un antichissimo itinerario che da secoli è detto "del Sempione" dal nome di un piccolo paese di Simplon che si trova a sud del passo in territorio svizzero.
    Il traforo misura 19’803 metri nella canna a nord-est e 19’823 metri nella canna a sud-ovest; all'epoca della costruzione, e per i successivi 76 anni, è stata la più lunga galleria ferroviaria del mondo.
  4. Il traforo ferroviario del Colle di Tenda
    E' la più lunga galleria della linea ferroviaria Cuneo-Ventimiglia/Nizza (8'099 m). Corre sotto al Colle di Tenda, da cui prende il nome, con percorso rettilineo e parallelo a quello del tunnel stradale, situato ad una quota di circa 300 m superiore.
    Pur essendo su una linea a binario unico, la galleria fu prevista con la sagoma per il doppio binario per migliorare lo smaltimento del fumo delle locomotive a vapore, che sarebbe stato problematico data la sua lunghezza.
    Nota in ambito ferroviario come galleria «Tenda», rimase interamente in territorio italiano fino al 15 settembre 1947. Dal giorno successivo, quando l'alta valle Roja venne scorporata dalla provincia di Cuneo diventando territorio francese in forza del trattato di pace con la Francia, fu attraversata dalla frontiera italo-francese ed abbandonata in attesa della ricostruzione della linea oltreconfine.
    Dopo trentadue anni di inattività pressoché totale, fu riaperta all'esercizio ferroviario il 6 ottobre 1979, giorno dell'inaugurazione della Cuneo-Ventimiglia ricostruita.
  5. La galleria di base del Lötschberg La galleria di base del Lötschberg è una galleria ferroviaria di 34,6 km che collega le località svizzere di Frutigen e Raron ed è stata inaugurata il 16 giugno 2007. È stata resa subito disponibile per il traffico merci, mentre il traffico passeggeri è iniziato a circolare al cambio di orario annuale il 9 dicembre 2007. La galleria fa parte del progetto ferroviario svizzero AlpTransit relativo all'alta velocità ferroviaria.
    Il vecchio tunnel già esistente (nel 1908 teatro della cosiddetta "Tragedia italiana", durante la cui costruzione morirono 25 operai tutti italiani), che fu ultimato nel 1913, continuerà ad essere percorso da treni regionali e dai treni merci più lenti e leggeri che non si è riusciti a programmare nel nuovo tracciato; la suddivisione sarà di circa 66 treni nel vecchio tunnel e 110 nel nuovo (a pieno regime).
  6. Il tunnel della TAV
    Non ancora realizzato, questo traforo sarà parte integrante della ferrovia Torino - Lione (o Nuova Linea Torino - Lione, abbreviato spesso con NLTL). La sua localizzazione, come noto, è in Val di Susa. Il tunnel attualmente in costruzione non coincide con il futuro tunnel che sarà adibito all’esercizio, ma è unicamente un tunnel geognostico che poi dovrebbe diventare una galleria d’emergenza perpendicolare al colosso: il tracciato definitivo di 54 km totali necessari alla Torino-Lione per correre sotto le montagne fra Susa, in Italia, e Maurienne, in Francia. Di questi, 12 km saranno in territorio italiano.
Che cos'è , e come si costruisce una galleria.
In ingegneria civile una galleria, o traforo, o tunnel è una perforazione del terreno approssimativamente orizzontale, nella quale domina la lunghezza sulle altre due dimensioni.
La realizzazione inizia dallo scavo; se la galleria è prefabbricata viene composta con conci di calcestruzzo armato montati tramite gru, oppure può essere gettata in opera.
In passato, allorchè non esistevano macchine progettate per lo scavo meccanizzato, né si sentiva ancora l’esigenza di minimizzare l’impatto ambientale degli scavi, si faceva ricorso allo scavo di gallerie a cielo aperto secondo il metodo “taglia e copri” (cut and cover). Venne utilizzato già tra il 1902 e il 1910 per la realizzazione della metropolitana di Parigi, e nella seconda metà degli anni ’50 per le linee 1 e parte della 2 della Metropolitana milanese; da cui la definizione alternativa di “sistema Milano”. Si effettuava dapprima un grosso scavo a cielo aperto lungo il percorso della galleria; poi si realizzava la struttura della galleria come una specie di enorme tubazione, che veniva infine completamente interrata, risistemando opportunamente la superficie e riportandola allo stato precedente.
Successivamente, si iniziò a scavare le gallerie (specie se il materiale entro cui devono essere realizzate è duro e stabile) tramite l'ausilio di esplosivi come la dinamite; se però il materiale è instabile è necessario stabilizzare il fronte in avanzamento (tramite tecniche come l'iniezione di materiale di consolidamento (jet grouting) e successivamente scavare con frese puntuali o escavatori dotati di martelloni idraulici.
Attualmente, si adotta lo "Scavo meccanizzato" tramite l'impiego di frese di tipo “Tunnel Boring Machine” (TBM) o Earth Pressure Balance (EPB) che possono eseguire ogni tipo di operazione necessaria alla realizzazione della galleria, dallo scavo alla finitura. La macchina si compone di un "treno" lungo anche centinaia di metri: la fresa che esegue lo scavo vero e proprio si trova in testa, seguono macchine per lavorazioni specifiche come il consolidamento del terreno, sonde per l'analisi del terreno antestante la fresa, un erettore per il posizionamento dei conci e un nastro trasportatore per conferire il materiale di scavo all'esterno. Oggi esistono macchine di questo tipo con diametri fino a 15 metri.
Può essere interessante sapere che la storia dei lavori di costruzione sotterranei è la storia di un confronto intenso e costante, spec. sul piano tecnico, tra le innovazioni umane e la natura. Soprattutto agli inizi, la costruzione di gallerie mieté numerose vittime fra i lavoratori.
Il Buco di Uri (1707-08) è considerato, con il Pierre Pertuis di epoca romana, lungo 5 m, la prima galleria di transito svizzero: la gente della valle d'Orsera scavò in uno sperone roccioso un cunicolo lungo 64 m, largo 2 m e alto 2,5 m. Pietro Morettini, di Cerentino, fece saltare il granito con la polvere da sparo. Due uomini morirono durante i lavori. La prima galleria ferroviaria fu quella dello Schlossberg presso Baden (1846-47), lunga 90 m e costruita per la Spanischbrötli-Bahn (o Ferrovia dei panini spagnoli) con lo stesso sistema del Buco di Uri.
Durante la prima era delle gallerie (1850 - 1920), nell'ambito della rete ferroviaria svizzera fu effettuato un gran numero di trafori. Nel corso dei lavori, realizzati senza l'ausilio di macchine, si verificava sempre qualche incidente. Nel 1857, ad esempio, nell'incendio sviluppatosi in un pozzo intermedio di legno della galleria dell'Hauenstein, lunga appena 2,5 km, morirono 64 persone. Dalla seconda metà del XIX secolo il lavoro fu facilitato e accelerato dall'impiego di macchine. Jean-Daniel Colladon progettò nel 1857 una perforatrice ad aria compressa, che venne utilizzata da Germain Sommeiller per la costruzione della galleria del Moncenisio (12 km). Colladon fornì le perforatrici e i relativi compressori anche per il tunnel del Gottardo (1872-82), lungo circa 15 km, per il quale fu usata per la prima volta la dinamite, prodotta dalla

Isleten, fabbrica di esplosivi di Uri. Questo procedimento richiedeva un minor numero di fori da mina rispetto all'uso della polvere da sparo, consentendo di accelerare i lavori, ma provocava sempre più spesso l'insorgenza delle cosiddette malattie dei minatori, come la clorosi e la silicosi.
I lavori per il traforo del Sempione (19,8 km, 1898-1905), inizialmente accolto con entusiasmo, furono ostacolati dalla roccia friabile e dall'acqua dei torrenti di montagna. La temperatura di roccia e acqua superava i 50°. Per favorire il raffreddamento furono poste a breve distanza due gallerie a una corsia con collegamenti regolari che garantivano la ventilazione; attraverso condutture isolate, inoltre, veniva trasportata e spruzzata acqua in loco.
Nella costruzione della galleria del Lötschberg (1906-13), lunga 14,5 km, a causa di un'insufficiente analisi geologica, 25 uomini e due cavalli furono travolti da una massa di ghiaia. Dopo la prima guerra mondiale le costruzioni sotterranee interessarono per lo più gli impianti delle centrali elettriche, cioè gli impianti con serbatoio sulle Alpi, che per le tubature e le condotte forzate in galleria necessitavano di centinaia di chilometri di cunicoli. Questi presentavano di solito un profilo circolare e curve più strette rispetto alle gallerie stradali.
Dopo la seconda guerra mondiale si inaugurò un'altra era delle gallerie, che riguardò soprattutto l'approntamento di Strade, ma che comportò anche la costruzione di 70 km di gallerie ferroviarie, tra cui quella del Käferberg o, nell'ambito della Nuova trasversale ferroviaria alpina (NTFA), quelle del Lötschberg e del Gottardo. Le gallerie stradali, più lunghe e a due corsie, furono dotate di grandi sezioni trasversali da 80 a 125 m2 per gli impianti di aerazione. All'inizio queste gallerie venivano fatte saltare alla maniera tradizionale, ma progressivamente si passò a forare le masse di terra e di roccia con possenti macchine. Se le prime frese per i trafori riuscivano a rompere solo la pietra più friabile, i nuovi modelli del decennio 1970-80 sbriciolavano anche il granito più duro. Così, per scavare la galleria stradale del Gottardo (1963-80), lunga 16,3 km, si ricorse ancora alle esplosioni, mentre per il tunnel del Seelisberg (9,3 km, 1971-80) si usarono anche le frese. Le più recenti gallerie stradali attraverso le rocce, come per esempio il Bözberg (3,7 km, 1990-96), sono state interamente scavate con le frese.
Per le costruzioni su fondo malfermo e bagnato si usa oggi il metodo del congelamento. Tutt'intorno al futuro cunicolo i fori di trivellazione vengono riempiti con un liquido refrigerante a una temperatura molto inferiore rispetto al punto di congelamento, finché il terreno si ghiaccia e diventa stabile. Con questo procedimento è quindi possibile scavare il profilo della galleria e rivestirlo di calcestruzzo. Così fu realizzata, per esempio, la tratta di morene lunga 350 m all'estremità meridionale della galleria del Milchbuck (1,8 km, 1975-85), che passa appena sotto la città di Zurigo. All'inizio del XXI sec. si è acceso un dibattito sulla sicurezza delle gallerie stradali, in seguito al verificarsi di diversi gravi incidenti (Monte Bianco, Gottardo).

Massimo Marucchi - Argon70cv
Nota. Le informazioni storiche e tecniche, qui raccolte e presentate, sono tratte da Wikipedia, l'enciclopedia libera e collaborativa.

_________________
Le indagini in corso mostrano che le imprese edili legate al clan dei Casalesi si sono infiltrate nei lavori dell'alta velocità al nord come al sud.[...]
R. S. Gomorra - Piccola Bibblioteca Oscar Mondadori, pagg. 240 - 241
L'ALTA VELOCITA' FA' MALE AL PAESE.
ETR 500? No, grazie. Viaggio con Italo


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it