Oggi è 31 ottobre 2020, 20:23

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Regimi di circolazione Ferroviaria
MessaggioInviato: 6 aprile 2009, 22:55 
Non connesso
Dirigente Centrale Operativo
Avatar utente

Iscritto il: 5 gennaio 2008, 10:47
Messaggi: 1900
Località: Pianeta Terra - Sistema Solare - UNIVERSO
Nell'ambito della sicurezza ferroviaria è importante regolamentare la circolazione dei treni in sicurezza ed a velocità accettabili: l'insieme di regole e strumenti che permettono ciò è definito regime di circolazione.
Tutte le linee ferroviarie sono suddivise in tratte o sezioni di blocco a seconda delle loro caratteristiche. Alla fine di ognuna di esse, il treno deve bloccarsi oppure continuare il suo percorso previo ricevimento di un via libera tramite segnali o dispacci.
Storicamente si è distinto tra due blocchi: quello più rigido cioè quanto appena descritto, ed uno più elastico dove il treno, in prossimità di un segnale disposto a via impedita, può procedere con la marcia a vista, cioè velocità fortemente ridotta nella tratta sucessiva.
Attualmente vi sono due tipi di blocco:
Il BLOCCO MANUALE che comprende:
a) il blocco telegrafico in disuso da parecchio tempo: i capistazione chiedevano se la tratta era libera ai colleghi della stazione successiva via telegrafo
b) il blocco telefonico, ancora oggi utilizzato quando le altre tecnologie sono fuori uso per guasti
c) il blocco elettrico manuale (BEM) Il Dirigente Movimento richiede il consenso al dirigente della stazione successiva (o al Guardiablocco), per mezzo della maniglia e del pulsante annesso. Il dirigente della stazione successiva, se il circuito e il pedale del circuito d'ingresso della sua stazione sono stati liberati dal treno precedente, concede il consenso. Questo consenso elettrico permette al primo dirigente di aprire a via libera il suo segnale di partenza. Il treno che parte, occupando il circuito di partenza della stazione provoca la "ridisposizione al rosso" del segnale prima disposto al verde e anche il bloccaggio del dispositivo di richiesta di consenso della stazione. Questo potrà essere sbloccato solo quando il treno, giunto nella successiva stazione avrà liberato il circuito di arrivo di quest'ultima mediante il pedale di liberazione di quest'ultima. I segnali ed i passaggi a livello sono gestiti manualmente dalle stazioni.
Il BLOCCO AUTOMATICO permette l'automatizzazione del regime di circolazione: il suo compito è rilevare la presenza di treni nelle sezioni di blocco e comandare di conseguenza i segnali (semafori) in modo di distanziare i treni presenti su una determinata linea proteggendoli nel contempo da manovre pericolose che vanno ad interferire con la loro corsa in prossimità di deviatoi. Il sistema gestisce in automatico anche i passaggi a livelli.
Ogni sezione di blocco è protetta da un segnale luminoso che comunica lo stato di via libera o via impedita al macchinista. Mentre un treno impegna la sezione, il segnale che la protegge è rosso, cioè disposto a via impedita. Quello che lo precede è generalmente giallo, cioè avviso di via impedita. Può essere preceduto, in caso di ridotta distanza tra il segnale di avviso ed il successivo di prima categoria, dell’aspetto di giallo lampeggiante.

Attraverso le correnti codificate del circuito di binario, si inviano con un certo anticipo informazioni in cabina circa l’aspetto dei segnali.
Il circuito di binario è un tratto di binario ferroviario di lunghezza variabile (da alcune decine di metri a svariati chilometri) isolato elettricamente dai tratti di binario adiacenti; su una delle due rotaie è applicata una bassa tensione, mentre l'altra rotaia è collegata a massa. L'applicazione della tensione sulla rotaia "elettrificata" avviene ad un estremo del tratto di binario, ed in parallelo a tale punto di alimentazione è applicato un contatore di corrente. Quando su quel tratto di binario non vi sono veicoli il contatore rileva una corrente nulla poiché la rotaia "elettrificata" risulta isolata, mentre nel caso un qualsiasi veicolo ferroviario giunga in quella sezione di binario con i propri assi cortocircuita la rotaia "elettrificata" con quella collegata a massa, e innesca una circolazione di corrente che viene rilevata dal contatore. Le correnti possono essere codificate e dare modo di trasmettere informazioni al macchinista tramite apposite codifiche e decodifiche (http://lnx.trenomania.it/forum/viewtopic.php?f=31&t=158). In questo caso si parla di Blocco Automatico a Correnti Codificate (B.A.c.c.). Ciò ha permesso l’aumento degli standard di sicurezza e, ove possibile, l’aumento della velocità commerciale.

Il Blocco elettrico automatico conta assi
Nelle tratte ove è installato, provvede attraverso una coppia di pedali conta assi posti all’inizio ed alla fine della sezione di blocco, a determinare se la tratta è libera o impegnata: se la differenza tra gli assi in entrata e quelli in uscita è nulla, vuol dire che la tratta è libera. Tale informazione, trasformata in segnale elettrico, può essere inviata direttamente ai segnali (semafori) che regolano il loro aspetto in base all’informazione ricevuta; oppure può essere inviata agli apparati centrali (siano essi di stazione o di "CTC" controllo centralizzato del traffico) che a loro volta se ne servono (grazie o meno all'intervento umano a seconda dei casi) per comandare in sicurezza l'impianto di segnalamento e i deviatoi, e in questo modo predisporre i corretti itinerari da far percorrere ai treni; infine in molti casi l'informazione di occupazione può essere inviata sia all'impianto di segnalamento che agli apparati centrali.
Il meccanismo del "pedale conta-assi" può essere realizzato con varie soluzioni tecniche, tra le quali si ricordano, in ordine di affidabilità:
* Interruttore elettrico con accoppiato misuratore di campo magnetico posti a lato interno della rotaia, il passaggio di un asse si rileva dalla perturbazione del campo magnetico.
* Contatto elettrico mobile in prossimità del bordo interno della rotaia, cortocircuitato dai bordini delle ruote.
* Leverismo meccanico appoggiato sul bordo interno della rotaia, che viene spostato dal passaggio del bordino della ruota (solo per basse velocità)
* Rilevatore di deformazione posto sotto la suola della rotaia tra due traverse, misura l'inflessione della rotaia, è solitamente realizzato con una camera a fluido.

Il Blocco conta assi può essere anche direzionale: i sensori sono in grado di leggere anche la direzione del treno; tornano utili nelle linee a singolo binario ma anche nelle altre in quanto possono leggere ed interpretare correttamente l’indietreggiamento (causato dalla pendenza) di un treno fermatosi in corrispondenza di un segnale. I sensori non direzionali in questo caso darebbero errore in quanto leggerebbero due volte gli assi “retrocessi”.

_________________
Le indagini in corso mostrano che le imprese edili legate al clan dei Casalesi si sono infiltrate nei lavori dell'alta velocità al nord come al sud.[...]
R. S. Gomorra - Piccola Bibblioteca Oscar Mondadori, pagg. 240 - 241
L'ALTA VELOCITA' FA' MALE AL PAESE.
ETR 500? No, grazie. Viaggio con Italo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Regimi di circolazione Ferroviaria
MessaggioInviato: 1 maggio 2009, 2:37 
Non connesso
Dirigente Centrale Operativo
Avatar utente

Iscritto il: 5 gennaio 2008, 10:47
Messaggi: 1900
Località: Pianeta Terra - Sistema Solare - UNIVERSO
I segnali in una linea esercitata con blocco elettrico automatico sono solitamente disposti al verde. Quando la tratta che proteggono è occupata, si dispongono sul rosso salvo poi diventare gialli, quando il treno occupa la tratta sucessiva e poi nuovamente verdi quando il treno ha liberato quest'ultima. Il tutto è gestito automaticamente dal sistema.

_________________
Le indagini in corso mostrano che le imprese edili legate al clan dei Casalesi si sono infiltrate nei lavori dell'alta velocità al nord come al sud.[...]
R. S. Gomorra - Piccola Bibblioteca Oscar Mondadori, pagg. 240 - 241
L'ALTA VELOCITA' FA' MALE AL PAESE.
ETR 500? No, grazie. Viaggio con Italo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Regimi di circolazione Ferroviaria
MessaggioInviato: 2 maggio 2009, 10:40 
Non connesso
Apprendista

Iscritto il: 17 febbraio 2009, 15:51
Messaggi: 18
Località: BRINDISI
Vorrei sapere una cosa.
Nel blocco automatico, ogni tratta di binario e protetta immagino da un segnalo lumimoso, questi segnali si dispongono rosso giallo o verde tramite i circuiti di binario, o ce come nel blocco manuale un intervento umano esterno??


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Regimi di circolazione Ferroviaria
MessaggioInviato: 2 maggio 2009, 11:00 
Non connesso
Dirigente Centrale Operativo
Avatar utente

Iscritto il: 5 gennaio 2008, 10:47
Messaggi: 1900
Località: Pianeta Terra - Sistema Solare - UNIVERSO
Il sistema funziona automaticamente grazie ai circuiti di binario. Quando il treno occupa una tratta, la corrente del circuito di binario è nulla. Il segnale che protegge quella sezione diventa rosso e comanda a sua volta l'immissione di una particolare corrente codificata nel circuito corrispondente alla sezione di blocco precedente che a sua volta comanda il segnale associato che si dispone a giallo (funzione di avviso).

I Dirigenti Movimento delle varie stazioni potevano interferire e decidere di accogliere il treno con il segnale di protezione giallo e poi rosso in stazione. Attualmente mi han detto che c'è una circolare che obbliga i vari dirigenti movimento ad accogliere i treni con il verde (avviso) verde (protezione) verde (stazione) salvo "traffico" o manovra di altri treni in stazione. Problemi di orario legati all'implementazione del SCMT ;) :P

_________________
Le indagini in corso mostrano che le imprese edili legate al clan dei Casalesi si sono infiltrate nei lavori dell'alta velocità al nord come al sud.[...]
R. S. Gomorra - Piccola Bibblioteca Oscar Mondadori, pagg. 240 - 241
L'ALTA VELOCITA' FA' MALE AL PAESE.
ETR 500? No, grazie. Viaggio con Italo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Regimi di circolazione Ferroviaria
MessaggioInviato: 2 maggio 2009, 12:39 
Non connesso
Apprendista

Iscritto il: 17 febbraio 2009, 15:51
Messaggi: 18
Località: BRINDISI
Perfetto, grazie 1000 ;)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Regimi di circolazione Ferroviaria
MessaggioInviato: 30 giugno 2009, 10:59 
Non connesso

Iscritto il: 23 settembre 2002, 13:08
Messaggi: 2208
Località: PB 270bis Progr. km 158+885
Nessuno ha parlato del Blocco radio gestito dal sistema ETCS/ERTMS L2 che viene usato sulle nostre linee AV/AC e che in un secondo momento verrà esteso anche sulla rete tradizionale come ETCS L1 in affiancamento alla tencologia già esistente, e cioè BCA, BABCC BA e SCMT.

_________________
-Staff TrenoMania-
aldn32@trenomania.it
Immagine
FS ALDn32.2026
Ex FS ALn56.2026 Breda - Trasf. Nov. 1968 OGR Torino


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Regimi di circolazione Ferroviaria
MessaggioInviato: 30 giugno 2009, 20:13 
Non connesso
Dirigente Centrale Operativo
Avatar utente

Iscritto il: 5 gennaio 2008, 10:47
Messaggi: 1900
Località: Pianeta Terra - Sistema Solare - UNIVERSO
Non conosco quella tecnologia, ma ognuno è libero di parlarne, di spiegarla, magari aprendo un thread dedicato. Tu sei per caso a conoscenza di qualcuno che possa e voglia farlo? ;)

_________________
Le indagini in corso mostrano che le imprese edili legate al clan dei Casalesi si sono infiltrate nei lavori dell'alta velocità al nord come al sud.[...]
R. S. Gomorra - Piccola Bibblioteca Oscar Mondadori, pagg. 240 - 241
L'ALTA VELOCITA' FA' MALE AL PAESE.
ETR 500? No, grazie. Viaggio con Italo


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it