Trenomania Network
http://lnx.trenomania.it/forum/

Sistema di Controllo della Marcia del Treno - SCMT
http://lnx.trenomania.it/forum/viewtopic.php?f=31&t=168
Pagina 2 di 2

Autore:  Minuetto80 [ 9 aprile 2009, 18:55 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Sistema di Controllo della Marcia del Treno - SCMT

Ciao Hostess,
Ti posso dire che BA sta per Blocco Automatico, BEM Blocco elettrico Manuale, BCA (credo) blocco conta assi. Per info più dettagliate ti rimando alla sezione viewtopic.php?f=31&t=178 ove un utente mediocremente informato ha scritto due righe in proposito. Un caro saluto

M.80

Autore:  Giorgio [ 14 aprile 2009, 21:25 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Sistema di Controllo della Marcia del Treno - SCMT

Appena mi collego dal pc, allego gli adesivi (scansionati da Istruzioni C.I.F.I.) presenti sulle casse dei rotabili che indicano i diversi sistemi automatici di circolazione.

Autore:  Minuetto80 [ 21 aprile 2009, 14:28 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Sistema di Controllo della Marcia del Treno - SCMT

Integro con qualche informazione presa dalla disposizione 13 del 27 giugno 2003, liberamente scaricata dal sito RFI denominata: "Norme integrative per l'impiego delle apparecchiature SCMT (sistema controllo marcia treno) che realizzano la sola funzione di RSC (ripetizione continua dei segnali in macchina)
1) le apparecchiature del SSB del SCMT svolgono la funzione di controllo della marcia del treno, attraverso informazioni prelevate da terra tramite il canale continuo (RSC) o discontinuo (RSDD). Le principali funzioni di queste apparecchiature sono:
- controllo della marcia del treno nella linee attrezzate con scmt
- ripetizione continua dei segnali in macchina nelle linee attrezzate con blocco elettrico automatico a correnti codificate
- Controllo della presenza e vigilanza dell'agente su tutte le linee (funzione vigilante).
2) Le apparecchiature di bordo del SCMT attrezzate alla RSC a 9 codici svolgono anche le specifiche funzioni di Controllo di Velocità (CV) attivo dalla VMax fino a 60 km/h; il controllo di velocità a 100 Km/h con dato treno introdotto "1 agente"; il controllo di velocità a 30 allora per la modalità manovra.

Le apparecchiature di bordo comprendono:
antenna di captazione RSDD non attiva. L'antenna posta nella parte sottostante del rotabile fornisce energie alle boe e riceve informazioni dalle stesse.
captatori RSC posti nella parte sottostante del rotabile, captano i codici della RSC dai binari sulle linee con BEAcc.
Elaboratore di bordo costituito da un'apparecchiatura con logica a microprocessore contenuta in un apposito armadio ed alimentato da tensione a 24 Vcc (o 110 Vcc). Questa apparecchiatura dispone di diagnostica residente e gruppo operatore
Gruppo pneumatico - Inseritore generale consente l'inserimento elettrico e pneumatico dell'apparecchiatura SCMT con l'azionamento di un sezionatore (detto inseritore generale) e realizza, su comando dell'elaboratore di bordo, lo scarico dell'aria in condotta generale per ottenere la frenatura di emergenza quando necessario. Inoltre il sezionatore, nella posizione di SCMT inserita, fornisce consenso alla trazione del mezzo di trazione. Il gruppo pneumatico su determinati rotabili può essere ridondato.
Commutatore Esclusione Apparecchiatura CEA consente l'esclusione elettrica dell'apparecchiatura, da azionare in caso di guasto. Impone la disinsezione del gruppo pneumatico (isolamento). Tale commutatore, con posizione SCMT esclusa, permette il consenso alla trazione.

Autore:  Minuetto80 [ 21 aprile 2009, 14:47 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Sistema di Controllo della Marcia del Treno - SCMT

Commutatore Esclusione Dati del DIS (EDIS) da mantenere sempre su escluso, è un commutatore che in caso di mancanza o guasto del DIS consente l'inserimento dati dal cruscotto SCMT. Attualmente è disattivato e dev'essere mantenuto nella posizione escluso

DISPOSITIVI DI INTERFACCIA UOMO - MACCHINA
Le apparecchiature di bordo, prevedono su ogni cabina i dispositivi di interfaccia uomo macchina. Essi sono un cruscotto formato da:
Monitor a colori atto a visualizzare le informazioni della RSC a 9 codici e la visualizzazione dei dati caratteristici del treno e dell'orario. Inoltre sono visualizzati attraverso simboli la funzione di esclusione di RSC, gli errori o i guasti; un pulsante PRE per il prericonoscimento dei segnali della RSC, un pulsante RIC per il riconoscimento dei codici RSC, dei messaggi di guasto e dei messaggi visulaizzati, un pulsante RF per il riarmo del freno, un pulsante SR per attivare il supero rosso, un pulsante RSC per inserire o disinserire la RSC oppure per includerla o escluderla, un pulsante MAN per inserire la modalità manovra, un pulsante SCMT (non attivo) per includere o escludere il SCMT, I pulsanti per inserire i dati treno, due pulsanti (N/G) per regolare la luminosità del display e dei pulsanti.
Un avvisatore acustico multitonale per integrare le informazioni presentate dal cruscotto.
Un tachimetro analogico munito di display per la segnalazione di "tachimetro guasto" con associati due indicatori ottici (blu e rosso); questi quando accesi indicano:
- quello blu a sinistra acceso a luce fissa CV attivo
- quello blu a sinistra acceso a luce lampeggiante CV non attivo
- quello rosso a destra fissa intervento del CV al superamento della curva di allerta
- quello rosso a destra lampeggiante intervento del CV al superamento della curva di controllo.
Il tachimetro già in dotazione al rotabile (tipo hasler, memocarta) per indicare la velocità del convoglio.

Autore:  giuseppe_mario [ 31 ottobre 2010, 18:32 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Sistema di Controllo della Marcia del Treno - SCMT

A forza di implementare la tecnologia la figura del macchinista diverrà quasi superflua

Autore:  Minuetto80 [ 31 ottobre 2010, 19:14 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Sistema di Controllo della Marcia del Treno - SCMT

Diciamo che con il SCMT e la ripetizione dei segnali, si è introdotto l'agente unico prima e l'agente solo poi sul materiale leggero e sulle composizioni con E.464. Ma viste le condizioni attuali, difficilmente avremo treni senza macchinisti. Come dice un mio amico macchinista: i macchinisti di una volta, quelli che uscivano dal genio avevano un'altra professionalità. Con le macchine moderne si è ridotta perchè in caso di guasto si hanno poche possibilità di manovra. Si può fare qualcosa agendo sul "computer" e, se va bene, proseguire il viaggio, altrimenti richiedere riserva.
Con le locomotive precedenti in caso di guasti non gravi, c'era la possibiltà di andare in cabina AT e fare una riparazione provvisoria per giungere comunque a destinazione, o comunque alla stazione sucessiva.
Facendo un esempio banane: le E464 con la LCA riducono molto il lavoro del macchinista che di fatto, si limita a dare o togliere coppia (dopo aver impostato la velocità massima) e frenare. Se non vede un segnale restrittivo, l'avviso acustico del SCMT gli permette comunque di frenare. Se ha un malore o è distratto, il treno si ferma comunque. In passato aveva molte più responsabilità. Doveva vedere i segnali con tempestività perchè non c'era il SCMT e regolarsi di conseguenza. Se non lo faceva, metteva a rischio la sua vita e quella dei passeggeri.
Il ruolo del macchinista si è ridotto, ma è comunque necessario.

Pagina 2 di 2 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
http://www.phpbb.com/